Che cos’è il Karma ?



La parola karma è stata molto fraintesa nell’ arco degli anni in quanto materia difficile da studiare con esattezza. Io come studiosa dello Yoga e delle filosofie antiche mi sono trovata in difficoltà nel capire profondamente questo concetto quando ho iniziato a studiare lo Yoga ; ciò nonostante ho cercato una spiegazione che mi risuonasse veritiera e comprensibile e finalmente, dopo alcuni anni, l’ho trovata ed ora la condivido con voi …


Innanzitutto è fondamentale partire dal significato letterale del termine Karma che è AZIONE .

Si può dire che il Karma sia quell’azione che produce una conseguenza calibrata in misura all’ azione compiuta : Legge di causa - effetto su cui si regge l’universo della PRAKRITI ( Materia ) .


La tradizione Yogica vanta saperi millenari nell’ambito della filosofia, della psicologia, della cosmogonia, della medicina e altri valorosi campi di studio e in ognuno di essi è presente questo termine .


Ma andiamo più nel dettaglio :


Come si produce Karma ?

Il frutto dell’ azione (Karma Phala) viene prodotto ogni qualvolta che si agisce, in base all’ entità dell’ azione si sviluppa una conseguenza che può manifestarsi in maniera veloce e istantanea oppure metterci un po’ più tempo per maturare .

Il frutto dell’azione non sempre è visibile, talvolta ci vogliono decenni o addirittura vite intere per far si che si possa manifestare, dunque non sempre riusciamo ad associare ad un azione compiuta nel passato la relativa reazione nel futuro .

Ad esempio, una scelta relazionale sbagliata presa da giovani, potrebbe manifestare i suoi frutti nell’ anzianità e quindi, se non siamo abbastanza ricettivi in tale ambito potremmo non associarla a quell’ azione compiuta da giovani e quindi rimanere confusi per la “sfortuna” ricevuta .


Nella tradizione dello Yoga non esiste sfortuna o fortuna ;

tutto ciò che ci arriva è la conseguenza di qualcosa che abbiamo compiuto nel passato, non per forza in questa vita ma talvolta anche nel passato che riguarda le vite precedenti .


Come riconosco il frutto dell’ azione ( Karma Phala ) ?

Si può riconoscere pretendo da un attento ascolto di se, da un meticoloso desiderio di crescere costantemente nella vita . In questo modo si accendono dei recettori dentro di noi che ci fanno comprendere meglio ciò che ci accade e se siamo bravi e pronti a cogliere i segnali che la vita ci dona, possiamo porre facilmente rimedio a situazioni sgradevoli ed imparare dagli eventi della vita stessa.


Nella Bhagavad Gita, testo di fondamentale importanza per lo Yoga Autentico che racchiude alte realizzazioni in ambito pedagogico, psicologico, filosofico e molto altro, Krishna spiega ad Arjuna che nessuno nel mondo materiale è esente dal produrre conseguenza Karmica in quanto non è possibile vivere nel mondo materiale senza agire, perciò esorta Arjuna a compiere delle azioni coraggiose, evolutive, giuste e che siano di aiuto all’ umanità .


Sulla base di questo ti invito a fare lo stesso in modo da garantirti un esistenza in linea con le tue aspettative più virtuose per diventare, citando il nostro maestro Matsyavatara prabhu “La miglior versione di te stesso”.


La nostra scuola di Yoga e Crescita personale fonda le sue radici p

roprio su questo principio formando i più desiderosi sulla via della conoscenza e della realizzazione 🙏


Per la tua Evoluzione

Arianna Lorenzini - JivaMoksha Yoga ✨


34 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti